Nella seconda tappa del Festival dell’impegno civile, il CSV ASSO.VO.CE. ha promosso un incontro-dibattito con associazioni e istituzioni, per presentare i risultati della ricerca e fare il punto sul “modello Caserta” per la gestione dei beni confiscati e dei beni comuni.

CASAL DI PRINCIPE – È stato presentata mercoledì 7 luglio, in occasione della seconda tappa del Festival dell’impegno civile organizzata presso il bene confiscato Casa don Diana, il Catalogo delle buone pratiche di riuso sociale dei beni comuni e dei beni confiscati: una raccolta di buone pratiche territoriali per la valorizzazione degli immobili pubblici e degli immobili confiscati, ad opera degli Enti del Terzo Settore.

L’incontro introdotto dal vicepresidente del CSV ASSO.VO.CE. e coordinatore del Comitato don Peppe Diana Salvatore Cuoci, e dal Presidente del CSV ASSO.VO.CE. Elena Pera, ha visto anche la partecipazione del vicepresidente di CSVnet Simone Bucchi.

Dopo la presentazione del progetto a cura del coordinatore Umberto De Santis, è stato proiettato anche “Beni Liberati – Il riuso sociale dei beni confiscati nel comune di Casal di Principe”: un racconto collettivo del “modello Casal di Principe” con protagonista chi ogni giorno opera all’interno degli immobili confiscati. Il video racconto è realizzato da Etiket agenzia di comunicazione sociale, altra realtà con sede in un bene confiscato.

A seguire, il direttore del CSV ASSO.VO.CE. Paola Piscitelli ha moderato un incontro dibattito sul tema “Il ruolo del Terzo Settore nella gestione dei beni confiscati e dei beni comuni” che ha visto la partecipazione, tra gli altri, di Cesare Sirignano, magistrato, Giovanpaolo Gaudino, Portavoce del Forum Terzo Settore della Campania, Michele Zannini, Portavoce del Forum Terzo Settore della provincia di Caserta, Simmaco Perillo, presidente del consorzio di cooperative sociali NCO Nuova Cooperazione Organizzata, Alfonso Golia, Sindaco di Aversa. Le conclusioni sono state affidate al Sindaco di Casal di Principe Renato Natale. Presenti anche i referenti dei partner dell’azione progettuale: Libera Coordinamento provinciale di Caserta, Agenda 21 per Carditello e i Regi Lagni e Labsus – Laboratorio per la Sussidiarietà.

Per scaricare il report del Catalogo delle buone pratiche di riuso dei beni comuni e dei beni confiscati clicca qui

Per scaricare gli approfondimenti dedicati a Casal di Principe visita la sezione dedicata